Oggi, per la prima volta
non è inverno.

Dall’alba fino alla sera
alcune delle mie
ore piene di me
sono diventate vuote.

Si ammassa a piccole dosi
la malinconia:
sassolini grigi, a miliardi
nel mio torrente in discesa.
Si raccoglie con discrezione, eppure
la si sente scorrere sul fondo,
a momenti,
rumorosa
ed egoista.

L’ho risparmiata per tutto questo tempo.
Adesso che la guardo
ha l’aspetto clemente
del tuo sorriso.

Penso che sarebbe bello
riconoscerci ancora una volta.
Trasformati,
inconsapevoli.

Domani.  

Annunci