Di tutte le scelte che avevo in faretra
Ho un ricordo, un dolore e un silenzio.
A spararle tutte in cielo mi sento venir meno
Ma sempre meglio là che quaggiù.

Si fa presto a decidere l’amore dell’Amore
Un po’ meno a vederlo com’è.
E guardarlo morire è morire due volte
Una per te, una per me.

 

Certo è

Che ho ancora voglia di piangere

E

Ancora il viso di tre quarti

Ma so

Che lentamente

Mi volterò

Lentissimamente

Mi volterò.

 
Di tutti i ricordi ho deciso di fare
Un imbuto, così da conservarli
Uno per uno, sparsi nel tempo
Che facciano male solo un po’.

Si fa presto a distruggere l’Amore con la rabbia
Un po’ meno a ricostruirlo com’è
Passato e dolcissimo, intenso e distante
Altro da me.

 

Certo è

Che ho ancora voglia di piangere

Qualcuno in me

Ha ancora voglia di sognare

Ma so

Che lentamente

Mi sveglierò

Lentissimissimamente…

Mi sveglierò.